Posizionare correttamente gli alimenti in frigorifero

Posizionare correttamente gli alimenti in frigorifero

 

A scuola, durante l’ora di scienze, abbiamo imparato che l’aria fredda è più “pesante” di quella calda. La spiegazione di questo fenomeno è molto interessante ma non è questo il luogo per parlarne. Ciò che ci interessa è invece capire come poter utilizzare questo principio a nostro vantaggio come per esempio nella disposizione degli alimenti nel nostro frigorifero. Gli alimenti che quotidianamente refrigeriamo sono differenti tra loro e richiedono dunque differenti temperature per una ottimale conservazione. Utilizzeremo quindi le diverse temperature che si formano spontaneamente nel nostro elettrodomestico per assicurare un’adeguato regime di conservazione.

 

Supponiamo di avere impostato il nostro frigorifero ad una temperatura di 4°C.

frigodarwin

Sul ripiano più in alto, dove la temperatura dovrebbe aggirarsi tra i 5-8°C., sistemiamo uova, dolci, formaggi, yogurt, conserve.

Sul ripiano intermedio, dove le temperature oscillano tra i 4-7°C., disponiamo affettati, verdure cotte, sughi, salse, cibi cotti, avanzi, torte e tutti quei prodotti con la scritta “dopo l’apertura conservare in frigorifero”.

Sul ripiano più in basso troviamo le temperature più fredde, 2-5°C.. Utilizzeremo questo spazio per conservare carne e pesce.

Nello sportello posizioniamo solo alimenti che non necessitano di accurata refrigerazione come burro, bibite e salse.

Il cassetto in basso è destinato allo stoccaggio di frutta e verdura cruda.

Oltre alla disposizione degli alimenti bisogna sempre tenere a mente le regole d’oro.

Qualche consiglio per mantenere alta l’igiene del nostro frigo:

– L’interno del frigo va pulito regolarmente, meglio se con aceto o acqua e bicarbonato di sodio

Sbrinate periodicamente sia il frigo che il congelatore per assicurane il corretto funzionamento

Non sovraccaricate il frigo, l’aria è il mezzo con il quale la temperatura si distribuisce e non bisogna ostacolarla

Eliminate sempre alimenti scaduti o in cattivo stato

– Riponete gli alimenti in contenitori provvisti di coperchio o avvolgeteli in pellicola

– Cercate di non introdurre mai alimenti ancora caldi nel frigo e allo stesso tempo non lasciateli a temperatura ambiente. Cercate piuttosto di raffredare le pietanze entro due ore, copritele e solo allora disponetele nel frigo.

Per maggiori informazioni: Ministero della Salute

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>